Istituto  Servizi Assistenziali

Cima Colbacchini

Notizie e avvisi

Pagina Facebook

 

La pagina facebook dell'ISACC, aggiornata rispetto alle attività nelle nostre residenze è raggiungibile al seguente link

Lorenzo Zen

Venerdì sera improvvisamente ci ha lasciato Lorenzo Zen. Lo ricordiamo come un uomo gentile, garbato, da sempre impegnato nel mondo del volontariato cittadino, con umanità, amore e passione.

È stato componente del Consiglio di Amministrazione dell’ISACC dal 2014 al 2019, ha donato gratuitamente la sua grande esperienza nell’ambito del sociale per il sostegno e la promozione di quanto necessario alla cura ed al benessere dei residenti. Con affetto lo ricordiamo il giovedì pomeriggio seduto ad un tavolino a Villa Serena intento ad ascoltare suggerimenti, problematicità o bisogni dei nostri familiari. Non ha mai mancato di dare il suo sostegno a coloro che lo chiedevano.

In tutti noi che abbiamo avuto il piacere di conoscerlo rimane la soddisfazione per aver condiviso un percorso di sostegno ed assistenza diretto agli anziani non autosufficienti del territorio.

Esprimiamo la nostra vicinanza alla sua famiglia, alla moglie Loredana e alla figlia Nadia.

                                                                                                              

“Ha conosciuto il grande amore?”

Comunicato stampa ISACC-18 febbraio 2021

 

Il mese di febbraio ha acceso di serenità i volti dei nostri residenti che hanno avuto piacere di trascorrere le giornate di festa legate alla tradizione del Carnevale e alla festa di San Valentino, ripercorrendo con la memoria i loro ricordi più cari. La festa di San Valentino è stata una opportunità per riaprire i cassetti della memoria più piacevoli, così da sprigionare ricordi ed emozioni di vita vissuta.

I sorrisi sul volto degli anziani alla domanda “Ha conosciuto il grande amore?”, sono stati il riflesso di uno dei momenti più belli della loro vita. Le scuse usate dagli uomini per conoscere una ragazza, le lettere d’amore tanto attese in tempo di guerra, il primo appuntamento ma alla fermata dell’autobus sbagliata, quell’unica persona che ha camminato al loro fianco per quasi tutta la vita…
Così, gli anziani, attraverso i loro racconti hanno celebrato quella forma d’affetto che sa di eterno, una forma che profuma di magia in questo presente che viaggia sul virtuale. Le comunità sono state scaldate da una pioggia di cuori, testimonianza visiva dell’amore per i loro cari che colma l’animo dei residenti.

Continuano il servizio di video chiamata, gli incontri nel progetto “un cuore oltre la finestra” e gli incontri in presenza con i familiari. Ci si impegna per creare un ponte tra i residenti e i loro cari in tutte le forme che le normative attuali consentono.

La struttura si è riaperta alle accoglienze, numerose nelle ultime settimane. Vedere volti nuovi che, dopo il periodo di isolamento necessario, entrano nelle nostre comunità accolti da operatori e residenti premurosi, è un ulteriore segnale che lentamente si sta riconquistando un po’ di normalità nella residenza.

Proseguono, come di consueto, gli screening di controllo al personale e ai residenti, e per ora siamo lieti di poter continuare ad essere covid-free.

                                                                                                        

Ufficio Relazioni con il Pubblico

Carnevale tempo di rievocazione

Comunicato stampa ISACC-12 febbraio 2021-

 

Le vaccinazioni si sono concluse e si respira aria di speranza nel futuro. I disagi che si sono manifestati nelle 24 ore successive alla somministrazione della seconda dose sono stati ben tollerati da tutti, in particolare dai residenti che non hanno avuta nessuna reazione.

Siamo consapevoli che anche se noi siamo protetti dal vaccino dobbiamo proteggere e salvaguardare la salute di coloro che ci vivono accanto, soprattutto le persone con maggiore fragilità.

Il servizio educativo in questi giorni sta coinvolgendo i residenti in attività caratterizzate da una rievocazione storica del periodo carnevalesco. Alcuni residenti sono impegnati nella realizzazione dei crostoli, dolce tipico del Carnevale, si confrontano sulle ricette e si dilettano nell’impastare i dolci.

È stato attivato il progetto “Un giro nell’Italia attraverso la storia delle maschere”: grazie alla riproduzione di una cartina dell’Italia, attraverso un’attività di stimolazione emotiva/cognitiva si ripercorre la storia delle maschere più conosciute, impegnandosi nel laboratorio grafico-pittorico dedicato al colorare disegni di abiti e maschere di carnevale. Un modo per accendere la vita e per portare vitalità nelle giornate post Covid. 

                                                                                                        

Ufficio Relazioni con il Pubblico